Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Corso di Laurea Magistrale in Disegno e Gestione degli Interventi Sociali

Tirocinio: come procedere

Il tirocinio della laurea magistrale

Il tirocinio magistrale si differenzia dal tirocinio della laurea triennale, tramite il quale lo studente è introdotto allo svolgimento di un’attività professionale. Coerentemente, il tirocinio della laurea magistrale costituisce un momento di riflessione sistematica sui processi di definizione e di attuazione delle politiche sociali, sulle pratiche professionali del servizio sociale e sulle organizzazioni coinvolte nell’intervento sociale. Suppone quindi sempre l’utilizzo degli strumenti teorici e metodologici acquisiti nei diversi insegnamenti per la rilevazione di dati, l’analisi delle informazioni, il disegno di progetti, la valutazione dei processi.

Il tirocinio può costituire una prima fase nella costruzione della tesi di laurea, qualora lo studente lo ritenga interessante.

Proposte di temi per tirocini formulate da vari enti sono elencate alla voce “tirocini di ricerca”.

 

A. Gli studenti  privi di esperienza lavorativa come assistente sociale o con esperienza lavorativa scarsa sono tenuti a svolgere le ore di tirocinio relative al proprio piano di studi. Ogni CFU equivale a 50 ore di lavoro, per cui, ad esempio, per ottenere 7 CFU è necessario svolgere 350 ore di tirocinio.

Prima di effettuare il tirocinio si consiglia il sostenimento dei seguenti esami: “Biografia, cultura e servizio sociale “, “Auditing e controlling dei servizi sociali“, “ Politiche della famiglia e dei servizi nel welfare locale”. 

La procedura da seguire è la seguente:

1) lo studente individua innanzi tutto la tematica che intende approfondire nell'ambito del tirocinio, la quale può riguardare il funzionamento di determinate prestazioni o interventi, aspetti relativi al contesto organizzativo, l'analisi dei flussi di determinate categorie di utenza all'interno dei servizi, l'utilizzo di specifici metodi o tecniche professionali;

2) lo studente contatta via mail la Commissione Tirocini del corso di laurea: la prof.ssa Laura Bini (laura.bini@unifi.it) per la definizione e la valutazione di fattibilità dell’idea progettuale e successivamente la dott.ssa Ivana Acocella (ivana.acocella@unifi.it) per mettere a punto le questioni metodologiche.

Lo studente redige il progetto di ricerca sulla tematica scelta con la supervisione dei referenti universitari (proff. Bini e Acocella). Nel progetto devono essere specificati gli obiettivi generali e specifici, le attività previste e i relativi strumenti metodologici che saranno utilizzati per conseguire gli obiettivi;

3) nel caso che la tematica approfondita nel corso del tirocinio sia anche oggetto di tesi, lo studente dovrà sottoporre il progetto al docente con cui intende laurearsi;

4) una volta ottenuta l'approvazione del progetto da parte dei referenti universitari,  possono essere avviate le procedure amministrative per l'attivazione del tirocinio così come descritte sul sito della Scuola (cfr. paragrafo “Formalizzazione amministrativa del tirocinio”);

5) svolto il tirocinio, lo studente ne sostiene l’esame conclusivo, che è valutato in trentesimi. Entro due mesi dal termine del tirocinio e almeno due settimane prima dell’appello, al quale si iscrive, lo studente deve consegnare alla Prof.ssa Laura Bini il seguente materiale:

a) relazione finale, firmata dallo studente, dal tutor aziendale e timbrata dall’ente;

b) foglio firme disponibile on line, firmato dallo studente, dall’assistente sociale supervisore e timbrato dall’ente.

Sulla base di questo materiale, viene chiusa dall’azienda, dallo studente e dal tutor universitario la procedura on line (cfr. paragrafo “Formalizzazione amministrativa del tirocinio”).

B. Gli studenti con considerevole esperienza di lavoro come assistente sociale (cinque anni) possono fare domanda di accreditamento dell'esperienza lavorativa alla Commissione Didattica del Corso di laurea. La Commissione, valutata l'esperienza, su proposta della Commissione Tirocini , determinerà i CFU accreditabili. L'accreditamento, anche quando preveda il totale riconoscimento delle ore implica, comunque, un'attività di riflessione e approfondimento da parte dello studente, con la stesura di un relativo progetto e la redazione e discussione di un rapporto. Nel caso di accreditamento parziale delle ore di tirocinio, resterà comunque necessario svolgere le ore residue seguendo il percorso di cui sopra.

La procedura da seguire per l’accreditamento  è la seguente:

1) lo studente individua nell'ambito della propria attività lavorativa una tematica che intende approfondire. L'approfondimento può riguardare, ad esempio, il funzionamento di determinate prestazioni o interventi, aspetti relativi al contesto organizzativo, l'analisi dei flussi di determinate categorie di utenza all'interno del proprio servizio, l'utilizzo di specifici metodi o tecniche professionali. Si consiglia la scelta di una tematica attinente al progetto di tesi dello studente, cosicché il lavoro necessario per la redazione del rapporto di tirocinio possa risultare propedeutico alla realizzazione della stessa;

2) lo studente chiede di poter accreditare il tirocinio inviando una e-mail alla Prof.ssa Laura Bini (laura.bini@unifi.it) allegando il proprio curriculum vitae e il progetto di accreditamento, vale a dire una breve descrizione dell'ente o degli enti nei quali  ha svolto attività lavorativa, e una proposta di tematica per l'approfondimento di cui al punto 1, con l'indicazione degli strumenti che saranno utilizzati (ad esempio consultazione della documentazione sociale o degli archivi, realizzazione di interviste a colleghi o utenti); il progetto è esaminato dalla Commissione Tirocini e sottoposto alla Commissione didattica del corso di studi;

3) una volta approvato il progetto, lo studente procede alla sua realizzazione e alla redazione del rapporto  di accreditamento che dovrà poi essere inviato e discusso con la Commissione Tirocini.

4) Nel caso di approvazione del rapporto, se il riconoscimento di CFU stabilito corrisponde al totale di CFU per tirocinio previsto nel piano di studi, lo studente procede al deposito presso l’Ufficio Stage e Tirocini della Scuola (cfr. qui sotto) di una copia cartacea della “Richiesta di riconoscimento di crediti formativi”, validata dalla Commissione Tirocini e si iscrive agli appelli previsti per i tirocini. Se il riconoscimento è parziale, il tirocinio sarà concluso secondo la procedura di base (cfr. paragrafo “Formalizzazione amministrativa del tirocinio”) prima dell’iscrizione all’esame.

C. Per gli studenti che non hanno acquisito cinque anni di esperienza lavorativa ma lavorano a tempo pieno anche con contratto a tempo determinato, possono essere previste specifiche modalità di svolgimento del tirocinio in relazione all’ente nel quale lavorano, alla natura delle attività che svolgono e all’esperienza maturata, da concordare con la Commissione tirocini.

La formalizzazione amministrativa del tirocinio

Si ricorda che la procedura di formalizzazione del tirocinio sulla rete di Ateneo deve essere sempre rigorosamente rispettata. Questa procedura è la sola a consentire sia l’attivazione dell’assicurazione ai tirocinanti che la registrazione del tirocinio nella carriera dello studente.  Essa prevede tre semplici tappe:

  1. Per avviare il tirocinio: Comunicare all’Ufficio Stage e Tirocini della Scuola di Scienze politiche (tirocinio.scpol@unifi.it) nome, cognome, numero di matricola e la denominazione dell’Ente presso il quale si intende svolgere il tirocinio.

Collegarsi al link: http://sol.unifi.it/stage/stud_jsp/login.jsp, cercare l’Ente, aprire la scheda del progetto e compilarlo on line insieme all’assistente sociale supervisore *(il progetto deve essere una sintesi di quello definito sotto la guida della Commissione tirocini del corso di laurea).Il Progetto va stampato e sottoscritto dal candidato, dal tutor aziendale (che deve apporre il timbro dell’ente) e dal tutor universitario; va poi consegnato all’ufficio Stage e Tirocini della Scuola (D1, III piano, stanza 3.04, tirocinio.scpol@unifi.it), che attiva il tirocinio. La comunicazione dell’attivata assicurazione arriverà tramite una mail con oggetto “trasmissione del progetto formativo”.

*Si ricorda di inserire nello spazio “Tempi di accesso ai locali aziendali” la seguente nota: lo svolgimento del tirocinio richiede frequenti spostamenti sul territorio, ad esempio in abitazioni di utenti, in centri sociali territoriali, in sedi di autorità giudiziarie, nelle sedi di altri Enti pubblici.

  1. Una volta concluso il tirocinio: compilazione on line dei questionari di valutazione da parte dello studente, del tutor aziendale e del tutor universitario e redazione delle relazioni finali di tirocinio da parte del tutor aziendale e del tutor universitario, sempre on line;
  2. Per verbalizzare: quando il tirocinio apparirà online come tirocinio “concluso con documenti finali compilati”, lo studente potrà procedere all’iscrizione all’esame corrispondente. Il docente di riferimento è la Prof.ssa Annick Magnier.
 
ultimo aggiornamento: 14-Mar-2017
UniFI Scuola di Scienze Politiche \ Home Page

Inizio pagina